Aspiranti ducetti crescono …

Aspiranti ducetti crescono in Italia … se non ci mettiamo in testa di dare vita a una formazione politica che abbia una visione sulla base di valori condivisi in questo … Continua a leggere

Recalcati: analisi psicopatologica del grillismo

di Redazione 26 agosto 2013
Pubblichiamo un interessante estratto da Patria senza padri. Psicopatologia della politica italiana di Massimo Recalcati, libro-intervista curato da Christian Raimo, edito da Minimum Fax.

Cosa ne pensi del fenomeno Grillo? Che analisi psicopatologica ne faresti?

In un vecchio film di Woody Allen intitolato Il dittatore dello stato libero di Bananas, si raccontano con sferzante ironia le vicende rocambolesche di un rivoluzionario che combatte l’ingiustizia della dittatura in nome della libertà e che finisce per indossare i panni di un dittatore spietato identico a quello che aveva combattuto. Ogni rivoluzione, ripeteva Lacan agli studenti del ’68, tende a ritornare al punto di partenza e la storia ce ne ha dato continue e drammatiche conferme. (altro…)

Rivoluzionari a parole, incapaci nei fatti

Daniele M. Regard
Giornalista e Blogger

Pubblicato: 26/09/2016 12:43 CEST Aggiornato: 26/09/2016 12:43 CEST MOVIMENTO CINQUE STELLE
Si parte con gli insulti, poi si passa agli spintoni, e si arriva facilmente, troppo facilmente, agli schiaffi e alle mani in faccia. Da una parte chi fa il proprio lavoro, in maniera onesta, magari sottopagato e poco tutelato. Dall’altra parte dei fomentatissimi “attivisti” che più che membri di un movimento sembrano hooligans della peggior specie.

È il giornalista il nuovo nemico, lo strumento che può indebolirli, renderli vulnerabili. Loro non raccontano di come non stanno amministrando Roma o di come vorrebbero guidare il nostro paese, no, loro riescono solo a trincerarsi dietro il grido di “onestà, onestà” come se uno slogan bastasse per togliersi di dosso tutti i peccati. È facile prendersela con i giornalisti, nemici occasionali buoni per tutte le stagioni, distrae le masse incazzate dai veri problemi di un movimento che dovrebbe far politica e invece fa bassissima propaganda. (altro…)

“LA VERITÀ SUL REFERENDUM” DISCORSO DI MESSINA E DI SIRACUSA DI RANIERO LA VALLE

“LA VERITÀ SUL REFERENDUM” DISCORSO DI MESSINA E DI SIRACUSA DI RANIERO LA VALLE
22 settembre 2016

Raniero La Valle (Foto Pippo Martino)
di Raniero La Valle

Discorso tenuto il 16/09/2016 a Messina nel Salone delle bandiere del Comune in un’assemblea sul referendum costituzionale promossa dall’ANPI e dai Cattolici del NO e il 17/09/2016 a Siracusa in un dibattito con il prof. Salvo Adorno del Partito Democratico, sostenitore delle ragioni del Sì.
Cari amici,
poichè ho 85 anni devo dirvi come sono andate le cose. Non sarebbe necessario essere qui per dirvi come sono andate le cose, se noi ci trovassimo in una situazione normale. Ma se guardiamo quello che accade intorno a noi, vediamo che la situazione non è affatto normale. Che cosa infatti sta succedendo?
Succede che undici persone al giorno muoiono annegate o asfissiate nelle stive dei barconi nel Mediterraneo, davanti alle meravigliose coste di Lampedusa, di Pozzallo o di Siracusa dove noi facciamo bagni e pesca subacquea. Sessantadue milioni di profughi, di scartati, di perseguitati sono fuggiaschi, gettati nel mondo alla ricerca di una nuova vita, che molti non troveranno. Qualcuno dice che nel 2050 i trasmigranti saranno 250 milioni. (altro…)

Fertility Day, pure Renzi “scarica” la Lorenzin. Ma che fine hanno fatto i 1000 asili?

imageLa ministra è sola con gli alfaniani a difendere la sua campagna sulla fertilità. «Non ne sapevo niente», dice il premier secondo cui «per fare i figli servono gli asili nido». Appunto. Siamo andati a vedere che fine hanno fatto i “mille asili in mille giorni” promessi a settembre 2014 (altro…)

Riforme e demagogia

23 SET Dal dizionario di Repubblica: demagogia [de-ma-go-gì-a] s.f. (pl. -gìe) 1 Degenerazione del concetto di democrazia, in cui si ricerca il consenso delle masse popolari puntando sull’emotività, i pregiudizi … Continua a leggere

ZONAEURO Ue, il declino dell’Unione? Già pianificato, ma è pronto il nuovo regime

(20151027) FRANCE - PARIS : European Commission President Jean-Claude Junker delivers a speech following a Digital Summit at the Elysee Palace.

(20151027) FRANCE – PARIS : European Commission President Jean-Claude Junker delivers a speech following a Digital Summit at the Elysee Palace.

Sostengo da anni ormai che il declino dell’Ue è un evento inevitabile poiché programmato, con buona pace di chi continua a sostenere il “più Europa”, o di chi vorrebbe farlo digerire alle masse come un qualcosa che non poteva essere previsto e frutto di insanabili divergenze politiche fra i leader dei paesi europei.

In un mio precedente post spiego perché. In sintesi, la crisi europea è stata affrontata prevalentemente con l’utilizzo di accordi internazionali extra Ue (Mes/Troika, Fiscal Compact, etc.), cioè al di fuori del quadro normativo dell’Unione, determinando di fatto la nascita di una nuova governance europea, con regole e meccanismi di funzionamento differenti, dove da un lato viene sancita la prevalenza degli interessi di mercato in caso di crisi, mentre dall’altro si attribuiscono maggiori poteri politici agli stati più forti (Germania e Francia). (altro…)

“Chi perde vince”: di Marco Travaglio

Pubblicato su 22 settembre 2016 da INFOSANNIO Lascia un commento renzi-malago-montezemolo(di Marco Travaglio – Il Fatto Quotidiano) – Le Olimpiadi, conti alla mano, le vince sempre chi non se le … Continua a leggere

RODOTÀ, “PRENDONO TEMPO: GOVERNO DISINVOLTO E IRRESPONSABILE”

rodota
POLITICA | 23 SETTEMBRE 2016 DI SILVIA TRUZZI
La Corte costituzionale ha deciso di rinviare la decisione sull’Italicum e contemporaneamente in Parlamento si torna a discutere di legge elettorale: delle manovre attorno alla riforma abbiamo parlato con Stefano Rodotà. (altro…)

Maggioni non solo Rai: anche Trilateral

La presidente di viale Mazzini guiderà il gruppo italiano della potente e misteriosa associazione americana. Ma non tutti i soci sono d’accordo
DI LIA QUILICI
22 settembre 2016
image
Monica Maggioni, presidente Rai
Monica Maggioni, giornalista, presidente della Rai, raddoppia con una seconda presidenza: nei prossimi giorni sarà alla guida della Trilateral Italia. Sarà nominata dall’assemblea generale il prossimo 7 ottobre. Regista dell’operazione è Paolo Magri, vicepresidente esecutivo e direttore generale dell’Ispi, l’istituto di politica internazionale di Milano, spesso ospite dei programmi Rai, in particolare nei programmi di Rainews24, la testata diretta dalla Maggioni fino a un anno fa, quando fu chiamata ad occupare la poltrona di vertice del cda di viale Mazzini. (altro…)