“La nuova notte della Repubblica”

13509144_10209790135180559_7163155776365368836_nLa Corte Costituzionale ha dichiarato la legge elettorale, con cui sono stati eletti i membri del parlamento, incostituzionale e, conseguentemente, il Parlamento così eletto avrebbe dovuto essere sciolto dal PR per tornare subito al voto. Invece, si è scelta la strada peggiore: nominare tre governi tecnici , che, possiamo dirlo senza tema di essere smentiti, hanno portato alla rovina il Paese, a cominciare dalla riforma Fornero e per finire con il jobs act. Questo governo è, quindi, illegittimo e ha illegittimamente messo mano alla Costituzione pur non essendo nemmeno di sua competenza, modificando ben 47 articoli della seconda parte in dispregio di qualsiasi regola democratica e costituzionale. Questo governo non avrebbe mai dovuto mettere mano alla riforma della Costituzione, proprio perché illegittimo, rendendo così incostituzionali le riforme costituzionali. Un vero pasticcio, che, qualora venisse approvato dagli Italiani, ci porterebbe diritti alla dittatura. Cosa ancora più grave è la modifica dell’art. 117, che, se approvata, consegnerebbe quel che resta della nostra sovranità all’Europa. Deve essere chiaro a tutti che in siffatto caso noi non potremmo più decidere nulla senza l’assenso dell’Europa.
Trovo tutto questo aberrante e ancora più grave il fatto che nessuno ne parla! Il presidente della Repubblica, quale garante della Costituzione, non avrebbe dovuto firmare la proposta del governo e sarebbe stato suo dovere rinviarla alle camere per una nuova deliberazione. Purtroppo non l’ha fatto, venendo quindi meno ai suoi doveri costituzionali. Se si guarda a tutto questo appare chiaro che siamo davanti a un colpo di mano gravissimo e, cosa ancora peggiore, con i mezzi d’informazione tutti a favore del governo. Anche questo un fatto gravissimo, perché la stampa dovrebbe sempre essere super partes per una corretta e imparziale informazione, invece qui si sono schierati tutti. Dobbiamo prendere atto che siamo in un Paese in stato confusionale avanzato che non promette niente di buono. Io definirei questa che stiamo vivendo “La nuova notte della Repubblica”. Speriamo che nasca un nuovo giorno e perché succeda occorre votare e fare votare NO!!!

I commenti sono chiusi.