Costruiamo subito un fronte popolare per fermare Salvini e salvare la democrazia mai così a rischio!

Un fronte popolare, ecco cosa ci vuole per cercare di fermare Salvini che chiede pieni poteri per sè senza alcun ritegno. Siamo di fronte a un folle che vuole riportarci indietro di oltre 70 anni e non possiamo continuare a stare a guaradare. Occorre una riscossa subito e senza tentennamenti.
Già aprire la crisi in questo preciso momento e averla provocata proprio lui per i suoi sporchi interessi è un fatto gravissimo, sia nel metodo, che è al di fuori della costituzione e dei suoi poteri, sia nel merito.
E’ altrettanto grave che il PR abbia sottoscritto il decreto sicurezza bis, seppure con rilievi pesanti, che aprono la strada per la sua abrogazione da parte della consulta che si pronuncerà non sappiamo quando. A mio parere, ma anche di quello di alcuni costituzionalisti , sarebbe stato meglio rinviarlo alle camere con un messaggio forte e chiaro per cercare di raddrizzare la barca e ridare una guida al Paese. Ma tant’è, a questo punto ci tocca rassegnarci di fronte a chi non il coroggaio di andare fino in fondo.
E’ molto pesante il clima che si respira nel Paese e di più che il PD non ha capito proprio nulla e pensa di potere vincere le elezioni insieme all’altro Matteo. Davvero non ci sono parole di fronte a questa totale mancanza di consapevolezza e lungimiranza.
Questo piddino che ha votato contro la tav, di cui mi sfugge il nome, stamani ha parlato di riforme costituzionali, che il PD dovrebbe proporre, con una tale incompetenza e mancanza di consapevolezza che mette davvero i brividi. Se questi sono i parlamentari di quella che vorrebbe essere la sinistra siamo davvero alla frutta e oltre.
Non so quello che farà Mattarella, ma penso che al punto iin cui siamo, per togliere il Paese dalle mani di Salvini, per evitare che gestisca lui dal viminale la sua elezione, occore che si faccia un governo tecnico, non solo per gestire la crisi politica e economica che incombe sul Paese, ma anche per cambiare questa oscena legge elttorale. Chiedo e spero troppo lo so, ma non voglio abdicare alla speranza, però, ricordo a tutti che, come dice un vecchio proverbio , “aiutati che Dio ti aiuta” e se non si vuole capire che bisogna impegnarsi tutti in prima persona la speranza va a farsi benedire, non credete?

I commenti sono chiusi.