Un’influenza manda in Tilt gli ospedali Italiani!

1896749_10205395851846222_4810078946517121667_n
Art. 32 della Costituzione: La repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti.
Ho forti dubbi che i nostri governanti, con in testa la Lorenzin, conoscano questo fondamentale articolo della nostra Costituzione.
I dubbi sono confermati se si guarda a quello che sta avvenendo in questi giorni negli ospedali italiani a causa del picco dell’influenza, fatto questo quanto mai previvibilissimo, ma che non trova risposte adeguate nella sanità italiana.

I tagli indiscriminati, fatti dagli ultimi governi, per far fronte a un altro scempio compiuto ai danni dei cittadini con l’introduzione del pareggio di bilancio nella nostra Costituzione, stanno dando il proprio frutto avvelenato, com’era ampiamente prevedibile.
In un Paese che vuole dirsi civile, è intollerabile che i cittadini che ricorrono e necessitano di cure mediche vengano lasciati per tre giorni consecutivi nelle barelle abbandonate nei corridoi degli ospedali e, addirittura, nelle barelle dei mezzi del 118, che in mancanza sono costretti a fermarsi.
E’ intollerabile che a causa della riduzione indiscriminata del personale chi ha avuto la fortuna di conservare il posto di lavoro debba poi soccombere perché costretta a lavorare 12 ore, com’è successo alla caposala dell’ospedale Martini di Torino, colpita da un’emorragia cerebrale per il forte stres.
E’ intollerabile che sia stato tagliato personale per poi essere costretti a rimpiazzarlo con infermieri delle cooperative, che pur percependo loro un onorario dimezzato, costano di più rispetto a chi è assunto direttamente dall’Azienda sanitaria, come denuncia la segreteria nazionale della Fp CgIL Cecilia Taranto.
E’ intollerabile che le liste di attesa saltino perché nel frattempo vi è stata l’emergenza influenza.
E’ intollerabile che questi politici, messi lì solo per appartenenza, senza un minimo di professionalità e sensibilità nel gestire una grave emergenza come questa, non si pongano domande e che di conseguenza diano risposte adeguate.
Non è suffciente che si è capaci di risolvere un solo caso come quello del medico colpito da ebola, mentre poi si lasciano per giorni i cittadini sulle barellle abbandonate nei corridoi degli ospedali senza che nessuno senta il bisogno né di intervenire adeguatamente e nemmeno di fare un’adeguata autocritica sui guasti causati dai tagli indiscriminati. La Lorenzin, il ministro sembra non accorgersi nemmeno di quello che sta succedendo negli ospedali Italiani e quindi, dobbiamo supporre, che non si preoccupa nemmeno di quello che potrà accadere quando l’influenza raggiungerà il suo picco maggiore a metà febbraio.
Intanto prendiamo atto di quello che sta succedendo negli ospedali dove si mandano in tilt le liste di attesa per smaltire il traffico di emergenza.
“Gli interventi al cuore si sono ridotti del 30% nell’ultimo anno, la neurochirurgia del 40. Poi la gente che aspetta si aggrava e la ritroviamo al pronto soccordo. E’ un girone infernale, assurdo”, che succede al San Camillo di Roma.

Questo Parlamento, questo governo e questo ministro hanno dimostrato di avere a cuore solo il pareggio di bilancio e di mantenere intatti i loro privilegi, senza preoccuparsi minimamente che la politica dei tagli ha avuto ed ha anche ricadute sulla salute dei cittadini, un diritto garantito dalla Costituzione.
Non ci resta che prenderne atto e cerare di ragionare su come fermare il degrado di questo Paese.
Per i Particiani Contro Il Pensiero Unico Dominante, la tutela della salute dei cittadini è al primo posto e vogliamo lottare per uscire da questo girone infernale in cui questi governanti senza scrupoli ci hanno precipitato.
Nella Toscano
16.01.1951

I commenti sono chiusi.