Il treno delle Donne in Difesa della Costituzione esprime solidarietà piena alla Prof.ssa Dell’Aria

, sospesa perché i suoi studenti 14enni nella giornata della memoria avevano presentato un video nel quale si accostava la promulgazione delle leggi razziali del 1938 al decreto sicurezza del ministro dell’Interno Matteo Salvini.
Ciò che le è successo è indegno di un Paese civile e ancora di più perchè tradisce platealmente il dettato costituzionale, che dovrebbe essere conosciuto da tutti, a cominciare dai politici e di più da un provveditore agli studi.
Siamo in tanti, forse la maggioranza degli Italiani, che pensiamo che la vergogna è per chi ha emesso un simile provvedimento e, sicuramente, non della prof.ssa, che deve andare fiera del suo insegnamento che ognuno deve potere esprimere liberamente il proprio pensiero, qualsiasi esso sia, che è garanzia insita nella nostra Costituzione.
Si può dissentire, si può non condividere, ma non si può soffocare il pensiero!
Vada fiera dei suoi studenti che hanno saputo manifestare liberamente il loro pensiero, analizzando fatti storici e manifestando forti dubbi sull’agire dell’attuale VP , dubbi che, quando si manifestano pacificamente, sono un diritto di espressione di ogni cittadino libero, che nessuno ha il diritto di sopprimere.
Dobbiamo ringraziare Lei e i suoi ragazzi per avere fatto emergere con chiarezza la natura di questo governo allergico al diverso, allo straniero, all’oppositore, che si serve di una squadra della Digos per fare irruzione in un liceo, che si è, quindi, palesato per quello che è. I fatti susseguenti al video incriminato, sollevano forti dubbi che l’accostamento dell’agire di questo governo è palesamente una condotta di regime.
Non abbassare la guardia è dovere di ogni cittadino democratico che crede nella libertà e nei principi tutti sanciti dalla nostra Costituzione, che, nei fatti, si sta tentando di stravolgere. Rimaniamo vigili e accanto Lei per questa battaglia di democrazia e, nel contempo chiediamo le dimissioni della Borgonzoni e del provveditore di Palermo per il grave e inaccettabile provvedimento sanzionatorio emesso nei suoi confronti.
Nella Toscano – Presidente del treno delle Donne in Difesa della Costituzione
Elvira Grilli V.P. del treno delle Donne in Difesa della Costituzione

2 risposte a Il treno delle Donne in Difesa della Costituzione esprime solidarietà piena alla Prof.ssa Dell’Aria

  1. Prof. Ester Carla de Miro d'Ajeta scrive:

    E’ assolutamente inaccettabile cio’ che e’avvenuto alla Professoressa Dall’Aria. Qualsìasi ingerenza nell’operato di un docente e nei suoi metodi d’insegnamento non fa parte della sfera politico/ministeriale e va considerata un grave abuso di potere. Auspico l’intervento della magistratura nei confronti del ministro.

    • ricostruirestatoepartiti scrive:

      Si, è gravissimo e sarebbe opportuno che si decidessero a ritirare questo provvedimento, cosa che ad oggi non hanno fatto, nonostate i buoni(?) propositi espressi dai ministri …