Crea sito

A proposito di patrimoniale.


Io credo che in Italia la si dovrebbe smettere di prenderci in giro, perchè i uno stato assolutamente incapace di combattere l’evasione fiscale non può illudersi di risolvere i problemi economici chiedendo un obolo ai cittadini. La patrimoniale non sarebbe altro che un contributo per aiutare uno stato in affanno e non risolverebbe nulla.
Qui se non si capisce che bisogna pagare le tasse nella giusta misura, con aliquote crescenti, come stabilito nella nostra costituzione, non risolvereo mai nulla.
Chi ha di più deve pagare di più, non è possibile che chi guagagna miliardi debba pagare quanto chi guadagna poche migliaia di euro.
Nel 1974 capo del governo era Andreotti c’erano ben 32 aliquote progressive : la prima aliquota sui redditi fino a 2 milioni di lire l’anno era del 10%, mentre l’ultima aliquota sui redditi oltre 500 milioni di lire l’anno era del 72%. Altro che Hollande! Eppure il giovane Berlusconi è riuscito lo stesso ad arricchirsi!
Dal 1983 iniziò la svolta: le aliquote da 32 passarono a 9, la prima aliquota sui redditi fino a 11 milioni di lire dal 10 passò al 18% e l’ultima sui redditi oltre 500 milioni passò al 65%. Allora c’erano i governi Spadolini e poi Fanfani.
Dal 1989 i governi Goria e De Mita portano sconti per tutti: le aliquote si riducono a 7, la prima aliquota sui redditi fino a 6 milioni di lire passò al 10% e l’ultima sui redditi oltre 300 milioni di lire passò al 50%. Un gradito regalo (un grosso sconto sulle imposte) per il non più giovane ma ricchissimo Berlusconi, che si accingeva a scendere in politica.
Ci sono state altre variazioni nel corso degli anni. Comunque, dal 2004 fino ad oggi,le aliquote sono 5. La prima aliquota sui redditi minimi fino a 15.000 euro corrisponde al 27%, mentre l’ultima aliquota, la più alta, riguarda i redditi oltre i 75.000 euro e corrisponde al 43%.
Il succo della questione è che a partire dal 1974 l’irpef è andata progressivamente adiminuire per i redditi alti e ad aumentare per i redditi bassi.
A mio parere per risolvere i nostri problemi bisognerebbe tornare indietro al 1974, altro che patrimoniale.
Se non riusciamo a capirlo sarà sempre peggio.
Oltre a ciò ci vorrebbe una seria lotta all’evasione e rimettere la tassa di successione sui grandi patrimoni.
Una sinistra degna di tale nome è questo quello che dovrebbe fare non chiedere contributi a destra e manca, che mai arriveranno, perchè sappiamo come gli italiani sanno ben nascondere i loro patrimoni.
Far pagare le tasse a tutti nella giusta misura è la strada da percorrere, non prendiamoci in giro.
Nella Toscano

Ti potrebbe interessare anche...